2.

TERAPIA DI COPPIA

Spesso l'unione di una coppia, dopo poco tempo si tramuta in altro, in un terreno di incomprensioni e tensioni che logorano gli individui, la coppia e spesso la famiglia intera.

La coppia non piò essere stabile per definizione. E' costituita da due individui, ognuno con una sua storia, ognuno con le sue fragilità, modo di amare e di essere amato.

Ogni individuo, consapevolmente o meno fa un suo percorso individuale , tra sé e sé e nella coppia, stravolgendo gli equilibri costituenti dell'unione. Ecco perché molto spesso non si riconosce più la persona che si ha al proprio fianco, magari non riconoscendosi più neanche in sé stessi. 

In questi momenti di tensione, di incomprensione, può essere utile un momento per poter riflettere con una terza persona, neutrale, libera da pregiudizi, che possa fare una sorta di "fotografia" della condizione reale della coppia, aiutandola a trovare un nuovo linguaggio comune per comunicare, magari facendo vedere cosa è cambiato, emerso o sparito nella relazione con il passare del tempo e con la vicinanza.

Un percorso di coppia non va visto come un processo ad una delle due parti e nemmeno come un fallimento della famiglia. 

Ogni sistema si deve evolvere, deve cambiare forma, magari generando nuovi equilibri che possono far paura inizialmente, ma che se accettati possono far evolvere l'unione della coppia  attraverso un'evoluzione dei singoli partner.